• 004100

    una storia vera

  • Foto 6

    una storia avventurosa

  • StudioF4 0036

    una storia da raccontare...

  • Foto 1

    le AQUILE RANDAGIE

  • Foto 4

logo login

Si chiamavano Aquile randagie. Erano i ragazzi del gruppo di scout di Milano e Monza che svolgeva attività scout clandestine durante il periodo del fascismo.

Si, perché Il 9 aprile 1928 lo scoutismo fu dichiarato soppresso dal Consiglio dei ministri.Anche il gruppo scout Milano II e il gruppo scout Milano VI deposero ufficialmente le proprie insegne fiamma. Ma un gruppo di ragazzi disse no. Usando messaggi in codice e cifrati per non venire scoperti, quei ragazzi continuarono a ritrovarsi, utilizzando la Val Codera (provincia di Sondrio), per le attività clandestine, i campi estivi, i fuochi serali. Li guidavano Andrea Ghetti, del gruppo Milano 11, detto Baden, e Giulio Cesare Uccellini, capo del Milano 2, che prenderà il nome di Kelly, e che ebbe anche il soprannome di Bad Boy, affibbiatogli da J.S. Wilson, all'epoca direttore del Bureau Mondiale dello Scoutismo. Il fascismo non li ignorò: Kelly fu pestato a sangue da una squadraccia, in una notte d’autunno, e ci rimise l’udito da un orecchio.

Ma questo non bastò a fermare le Aquile. Dopo l'8 settembre 1943, insieme a Don Giovanni Barbareschi e ad altri parroci milanesi, diedero vita all'OSCAR (Organizzazione Scout Collocamento Assistenza Ricercati) che si impegnò in un'opera di salvataggio di perseguitati e ricercati di diversa nazione, razza, religione, con espatri in Svizzera attraverso i boschi e i monti che nessuno conosceva meglio di loro. Il loro servizio si concluse proteggendo la vita, a guerra finita, ai persecutori di ieri, salvando per quegli stessi sentieri gerarchi nazisti che furono consegnati alle autorità svizzere per avere un giusto processo, dalla giustizia degli uomini. E’ la loro storia che vogliamo raccontare. Una storia di coraggio, di paura, di fedeltà e di ribellione. Perché cambiare il mondo si può.

Ciò che noi fummo un dì, voi siete adesso.
Chi si scorda di noi, scorda se stesso!

075

 

 

Il Progetto

L'idea è di raccontare la storia delle Aquile Randagie, dando visibilità:

  • alla loro straordinaria, avventurosa, coraggiosa impresa;
  • allo scautismo in Italia e alle sue vicende (non ce ne voglia la vecchina che deve attraversare la strada);
  • ai valori delle AR che oggi come non mai crediamo debbano essere promossi.

BLOG

  • Grazie 10.000

    Care amiche sostenitrici, cari amici sostenitori, prima di tutto: Grazie!!

    Non ci sono altre parole importanti da dirvi. Siete tanti, veramente tanti e questo ci rende orgogliosi e pieni di gioia. Ma ci rende anche responsabili, verso chi, come voi, si è fidato di noi e ha creduto in questo progetto. Vi scriviamo dunque queste due righe per fare un po’ il punto della situazione.
    La campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso si è conclusa, domenica, con la cifra di 6.440 € su 40.000. Un po’ poco direbbe qualcuno, tantissimo diciamo noi, non abbastanza dicono i numeri. Sì, perché abbiamo raccolto poco più del 10% di quanto ci aspettavamo.
    Tuttavia, ci sono due però. 
    Anzitutto, come abbiamo sempre detto, la cifra di 40.000 era solo una parte del piano finanziario completo del film. Come sapete, se non avessimo raggiunto la cifra avremmo dovuto trovare il denaro mancante da qualche altra parte. 
    In secondo luogo in questi mesi di lavoro, di incontri e di relazioni intessute siamo riusciti a modificare il piano finanziario del film che ora prevede 17.500 alla voce crowdfunding, e non più 40.000: questo significa che ci servono solo 11.000 euro per raggiungere l’obiettivo! E proprio ieri, Produzioni dal Basso ha acconsentito a prorogare la raccolta fondi di 121 giorni con questa nuova cifra!
    Sì, avete capito bene, la raccolta continua. 
    Ricordiamo a tutti, che se non dovessimo riuscire a realizzare il film entro il 2018, tutti i vostri aiuti (decurtati dei costi di gestione delle spese, per esempio la quota già prelevata da Produzioni dal Basso che ci ha ospitati) saranno restituiti.  
    Cosa potete fare ora?
    Parlate di noi ai vostri amici, a tutti quelli che pensate possano essere interessati a darci una mano. Perché questo film s’ha da fare :)
    Vi ringraziamo ancora tanto.
    Scritto Giovedì, 19 Maggio 2016 15:16

LA CREW

  • Gianni Aureli

    Il Regista del film: Gianni Aureli, 34 anni di cui 12 passati a fare il capo scout. Beh, ad essere Read More
  • Massimo Bertocci

    Regista della seconda unità di ripresa e sceneggiatore Massimo Bertocci, 44 anni di cui 22 passati a fare lo scout, Read More
  • Gaia Moretti

    La Sceneggiatrice: Gaia è Kaa e capo gruppo del Roma 40. Scrive un sacco, ma in genere sono articoli di Read More
  • Francesco Losavio

    Il produttore e sceneggiatore: Due lauree (una in storia del Cinema presso la Sapienza di Roma e l'altra in Marketing Read More
  • 1

Immagini

  • Default
  • Title
  • Date
  • Random

I Partners

logo AGESCI 2

ente baden

FSE

finzionilogo

SOSTIENICI

Scrivici e aiutaci a realizzare il nostro sogno!

Questo sito utilizza cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Proseguendo ne autorizzi il loro uso.